Rinnovate le autorizzazioni generali del Garante Privacy

Il Garante per la protezione dei dati personali ha rinnovato le Autorizzazioni Generali al trattamento dei dati, per un periodo compreso tra il primo gennaio 2017 e il 24 maggio 2018: quest’ultima data rappresenta, infatti, il momento in cui troverà applicazione il nuovo Regolamento Europeo per la Privacy (GDPR – Reg. UE 679/2016).

E’ noto che, ai sensi dell’articolo 40 del D. Lgs. 196/2003 (cd Codice Privacy), il Garante per la protezione dei dati personali può emanare delle autorizzazioni ad ampio spettro, relative a determinate categorie di titolari o di trattamenti: esse hanno finalità di semplificazione, onde evitare di rilasciare tantissime autorizzazioni singole ed identiche per ogni titolare del trattamento. 

Le nuove autorizzazioni, in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, sono le seguenti:

Autorizzazione generale n. 1/2016 al trattamento dei dati sensibili nei rapporti di lavoro
Autorizzazione generale n. 2/2016 al trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale
Autorizzazione generale n. 3/2016 al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni
Autorizzazione generale n. 4/2016 al trattamento dei dati sensibili da parte dei liberi professionisti
Autorizzazione generale n. 5/2016 al trattamento dei dati sensibili da parte di diverse categorie di titolari
Autorizzazione generale n. 6/2016 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati
Autorizzazione generale n. 7/2016 al trattamento dei dati a carattere giudiziario da parte di privati, di enti pubblici economici e di soggetti pubblici
Autorizzazione generale n. 8/2016 al trattamento dei dati genetici
Autorizzazione generale n. 9/2016 al trattamento dei dati personali effettuato per scopi di ricerca scientifica

In linea generale le nuove autorizzazioni rispecchiano quelle in scadenza e apportano le necessarie integrazioni derivanti da modifiche normative intervenute nei settori considerati.

Per approfondimenti sui temi della privacy e molti altri, vi rinnovo come sempre l’invito a partecipare al Gruppo LinkedIn “Digitale e Dematerializzazione“, creato con l’Ing. Fabrizio Lupone.